NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Usura

 

Negli ultimi tempi si è assistito ad un proliferare di fenomeni usurari anche da parte delle banche. A causa dei calcoli matematico-finanziari che stanno dietro ai contratti di mutuo, quasi nessuno si accorge dell’applicazione di interessi usurari al proprio contratto, e per tale ragione si pagano interessi non dovuti. Grazie all’evoluzione giurisprudenziale si sta iniziando a combattere questo sopruso. Lo studio Cusumano è in prima linea per bloccare il fenomeno dell’usura e tutelare i diritti dei consumatori. Dopo un’analisi matematico-finanziaria effettuata da professionisti esperti, qualora venisse rilevata la presenza di usura, lo studio Cusumano si attiverà ad intraprendere le attività legali necessarie affinché la banca non solo non pretenda più quanto non le sia dovuto, ma anzi restituisca quanto illecitamente sottratto.

 

Breve Definizione

 

La nozione di usura deve essere rintracciata nell’art. 644 c.p. come riformato dalla legge 108/1996 (cd legge antiusura). Integra il reato di usura chi si fa dare o promettere come corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o vantaggi usurari.

Vi sono due tipi di usura, una detta oggettiva e l’altra detta soggettiva. Si ha usura oggettiva, dovendosi intendere usurario ogni vantaggio corrisposto in interessi che superino le soglie consentite, ove la controprestazione alla dazione di denaro o altra utilità sia un interesse eccedente il tasso soglia trimestralmente determinato dal Ministero del tesoro e pubblicato in G.U.

Si ha usura soggettiva ove la controprestazione sia un interesse sotto soglia ma sproporzionato rispetto alla prestazione, tenuto conto delle modalità del fatto e del tasso medio per operazioni similari, quando chi lo ha dato o promesso versi in condizioni di difficoltà economica o finanziaria. In tale seconda ipotesi è necessario valutare le condizioni soggettive della vittima dell’usura. La sanzione civile per eccellenza all’applicazione di interessi usurari è prevista dall’art. 1815 c.c. che al secondo comma, con riferimento al contratto di mutuo con interessi usurari, sancisce la nullità parziale della clausola sugli interessi e la conseguente gratuità del mutuo. E’ con la l. 108/1996 che è stato in tal senso modificato l’art. 1815 c.c. Grazie a tale modifica, si è introdotta la conversione in mutuo gratuito come sanzione per aver applicato interessi usurari.

Share this:

Recent Post